Blog, cronaca, notizie, sport e appuntamenti in Val di Susa e dintorni : Italia : Curiosità

Dstinguere Vipere e Bisce

Come facciamo a distinguere una vipera da un serpente non velenoso?
Italia
Dstinguere Vipere e Bisce
Non è così insolito incontrare questi animali durante una passeggiata, e queste semplici informazioni vogliono essere un piccolo aiuto per distinguere le varie specie di serpenti che popolano il nostro territorio.

In Italia esistono quattro specie di vipere:
  • l’aspide o vipera comune (Vipera aspis): è la più comune e diffusa su tutto il territorio nazionale tranne che in Sardegna (regione che brilla per la totale assenza di serpenti velenosi)
  • il marasso (Vipera berus): è presente generalmente nell’Italia settentrionale;
  • la vipera dell’Orsini (Vipera ursinii): è la più piccola con una lunghezza media che non supera i 40cm e si trova solo sull’ Appennino Abruzzese ed Umbro-Marchigiano
  • la vipera dal corno (Vipera ammodytes): presente nell’Italia Nord-orientale.

Immagine 2
La vipera si distingue dagli altri serpenti per alcune caratteristiche precise: ha la testa triangolare con occhi dalle pupille strette e verticali come i gatti, mentre le bisce hanno una testa dalla forma ovoidale con occhi con pupille tonde: il corpo è piuttosto tozzo e non supera il metro di lunghezza; il colore è tendenzialmente bruno-rossastro scuro, a volte con macchie nere e comunque mai con tonalità o colori vivaci come sfumature di giallo, rosso o verde che invece sono presenti in alcune specie di serpenti non velenosi.

Non è un luogo comune dire che le vipere hanno più paura di quanto noi ne possiamo avere di loro, infatti, in caso di incontro con questi animali, è generalmente sufficiente lasciarle e l'animale si allontanerà o andrà a nascondersi velocemente; lanciare oggetti o correre potrebbe invece essere rilevato come un attacco e la vipera potrebbe difendersi cercando di mordervi.

In caso di morso di vipera, sulla pelle sono ben evidenti due forellini distanziati di circa 6-8 mm, da cui fuoriesce sangue misto a siero, circondati da un alone rosso (il morso di un serpente è più simile ad una serie di graffi) e bisogna tenere presente di:

  • Mantenere la calma per evitare un accelerazione del flusso sanguigno che faciliterebbe la propagazione del veleno
  • Fasciare ed immobilizzare la zona o l’arto colpito, come si farebbe nel caso di una frattura, ma non bloccare la circolazione sanguigna
  • Disinfettare il punto morsicato
  • Andare al più presto in ospedale o da un medico e spiegare l'accaduto


I comportamenti da evitare ad ogni costo sono invece:
  • tagliare e/o cauterizzare la ferita
  • applicare ghiaccio o succhiare la zona morsicata
  • somministrare un siero antiofidico
  • fare un laccio emostatico
  • agitarsi, far sforzo fisico e ingerire alcolici



Curiostià:
Le vipere appartengono alla famiglia dei serpenti velenosi Viperidae e si trovano in tutto il mondo ad eccezione che in Madagascar ed in Australia.



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Inserisci la tua email
Italia
02/05/2016 - Attenzione: nuovo virus su Facebook
14/04/2016 - Il referendum sulle trivelle: cosa si vota?
17/03/2015 - Let’s Clean Up Europe: aperte le iscrizioni!
04/03/2015 - Incidenti in montagna, chi paga?
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti